assemblea delegati 2008
   
         
    Assemblea dei Delegati 2019    
         
   

 

 

Assemblea annuale dei delegati della Sezione 2019

 LA PAROLA AL PESIDENTE

Il Presidente, dopo aver salutato i presenti e reso omaggio ai soci Alpini e loro familiari, deceduti durante l’anno, esordisce dicendo “(…) È il momento dei bilanci e delle idee. Mai come quest'anno nel nostro Periodico sezionale QZ ci siamo tanto occupati dell’argomento più evocato in tutte le occasioni di incontro della nostra associazione: la possibilità di un ripristino di un servizio militare obbligatorio o forse più semplicemente il ripristino di un qualsiasi obbligo per i nostri giovani e della accoglienza che tutto questo potrebbe avere nella nostra società. Dagli esiti del dibattito (…) abbiamo potuto apprezzare come le opinioni siano ancora diverse (…)Le speranze di trovare una strada per ripristinare un minimo di servizio per la Patria legate alla riforma del terzo settore si sono rivelate poco fondate (…) La nostra associazione si è espressa chiaramente con una dichiarazione ufficiale (…) che precisa i contorni del nostro intendere. A noi il compito di continuare a testimoniare (…)E come? Continuando le nostre attività con sempre maggior coraggio e spirito di servizio …”. Prosegue poi valutando l’attività dei Gruppi, che …”anche quest`anno hanno potuto portare a termine tutti i nostri programmi (…) grazie alla collaborazione tra i Gruppi. Con molta soddisfazione abbiamo visto realizzarsi la Festa della Famiglia a Fossalta di P. con il contributo di tutti i giovani, i volontari P.C. e Alpini liberi a disposizione da Mestre, Mira, Fossalta, P., San Stino, San Donà, Mirano. Per la Commemorazione del 146° delle TTAA a Cavarzere eravamo in tanti (…) l'Adunata Nazionale di Trento è stata una esperienza (…) L’ accoglienza della città, l’essere nei posti del mito della Grande Guerra, della storia, ci ha coinvolto; la S. Messa per i defunti dei Gruppi di Fiume, Pola e Zara, cantata dal Coro di Portogruaro, ci ha visto praticamente tutti presenti. I  Gruppi hanno risposto con una ottima presenza alla sfilata, il Campo Venezia è stato un successo anche per la coabitazione salutare con gli amici della Sezione Marche e del Gruppo di Cencenighe… ”. Parla poi dell’Adunata di Milano dove “… saremo ospitati in una Parrocchia in centro città, il posto è bello dovremo trovarci bene anche se ci sarà il problema dei parcheggi”. Ricorda poi che “… per realizzare gli scopi, che lo Statuto dell’ ANA ci affida, siamo organizzati per filoni di attività nel centro studi sezionale (…) che per Venezia ha i referenti in Sandro Vio e Vittorio Casagrande e nel 2018 (…) con le scuole di Marghera ha presentato un lavoro sulla Grande guerra alle classi 4 e 5 della scuola elementare (…) In luglio il Centro ha dato assistenza e collaborazione, per una settimana, per una mostra sulla Grande Guerra allestita a S.Teodoro, organizzata dall'associazione dei Maestri del Lavoro e del Centro Studi della Sezione di Treviso (…) ed al Raduno sezionale di Cavarzere è stata allestita una mostra fotografica con il materiale a suo tempo prodotto da Sandro Vio...”. Il periodico sezionale Quota Zero che “… anche quest`anno è uscito puntualmente con i suoi tre numeri. Lusinghieri sono i commenti che ci vengono rivolti dai tanti lettori esterni alla Sezione e non solo. Nel 2018 al CISA abbiamo anche avuto un riconoscimento per i contenuti e la sua vivacità; il giornale viene spedito via email ai soci, alle altre Sezioni e pubblicato sul sito web della Sezione. Viene anche stampato come sempre in 500 copie e distribuito tra i Gruppi (…) Ringrazio in modo particolare a nome di tutti, Lucio Montagni, Nerio Burba e Mario Formenton, che hanno realizzato materialmente il giornale e il Direttore Gianni Montagni, che lo licenzia per la stampa. Un ringraziamento sincero, che è anche preludio di cambiamenti. Lucio Montagni infatti aveva espresso il desiderio di smettere la sua opera di redattore e coordinatore e Nerio Burba segretario si è trovato nelle condizioni di dover lasciare molti dei suoi incarichi (…) Siamo arrivati alla determinazione, che per il 2019 ci potremmo ancora avvalere della collaborazione di Lucio Montagni, che per affiancamento trasferirà il suo ruolo ad Alvise Romanelli; nella redazione sono entrati anche Vittorio Casagrande e Sandro Vio, poi Alberto Bonfiglio e Mario Formenton (che c’erano già)…”. Nella Sezione giovani “… per quanto ci riguarda abbiamo potuto facilmente constatare che il numero dei giovani con il quale abbiamo cominciato l’attività è molto diminuito (…) però non abbiamo nessuna intenzione di smantellare questo patrimonio di energie, che anche nel 2018 ha dato prova di vitalità organizzando la Festa della Famiglia Alpina a Fossalta di Portogruaro e partecipato alle iniziative della Commissione Giovani del Terzo Raggruppamento”. La Protezione civile sezionale “… continua a vivere grazie ai volontari che provengono dai Gruppi di San Donà, Mestre, Mira, Mirano (…) Anche quest’anno ha avuto una buona vitalità partecipando con buon numero di volontari alle esercitazioni e ai vari impieghi (…) (qui ha riassunto le principali attività di PC svolte) (…) e gestendo con grande leggerezza e condivisione il passaggio di consegne tra Giannino Antonini (ha compiuto 80 anni) e Alessandro Moscon. (…) Anche quest’anno abbiamo potuto affrontare le spese dell’assicurazione degli automezzi (…), manutenzione e alcune divise attingendo ai fondi del 5Xl000 della ONLUS, che abbiamo costituito ormai cinque anni fa …”. Ha quindi parlato del Coro che “… diretto dalla Maestra Fabia Geremia si è fatto onore in molti impegni…” e del GSA nel quale “… i nostri sportivi hanno conseguito  importanti risultati nell’anno 2018…”.  È poi passato a fare cenno alle principali manifestazioni per il 2019. Ringraziando quindi i componenti del CDS ed i vice-Presidenti, annota che “… La Sezione di Venezia quest'anno chiude in pareggio: Iscritti nel 2017 Alpini 663/aggregati 150/aiutanti 6; Iscritti nel 2018: alpini 671/aggregati nuovi 14/aggregati totali 159/amici 16/nuovi Alpini iscritti 17/Alpini deceduti 11. Non aggiungo altro.... Spero che dalla voce di Voi delegati ci venga ulteriore sprone a ben continuare e qualche idea nuova per il futuro della nostra cara Associazione. Viva l'Italia e viva gli Alpini”  L.M.

 

   

2003 Associazione Nazionale Alpini - Sezione Venezia www.alpinivenezia.it